Mindfulness eating: come mangiare in modo consapevole?


La mindfulness può aiutarci a vivere un migliore rapporto con il cibo e con il corpo, portando consapevolezza e saggezza in questo aspetto della nostra vita.

La mindfulness è una pratica di rilassamento che ti permette di rimanere nel “qui ed ora”; la mindfulness eating è un approccio che aiuta a portare la totale attenzione all’atto di mangiare infatti significa: alimentazione consapevole.

Per avere a totale attenzione su cibo bisogna osservare la pietanza con tutti i nostri sensi: odore, gusto, tatto, vista, udito ma nono solo bisogna osservare anche i propri pensieri ed emozioni che affiorano quando mangiamo.

5 ESERCIZI DI ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE

1 Allenati a prestare attenzione Per prima cosa osserva i tuoi comportamenti e i tuoi pensieri in relazione al cibo; cerca di sperimentare su di te l’effetto di un determinato cibo, di prestare attenzione e di mettersi in ascolto.

Questo permetterà di capire che effetto hanno su di noi i diversi cibi come ad esempio:

  • c’è una differenza quando mangiamo verdura cotta o cruda?

  • Sono più gonfia quando mangio la pasta a pranzo e/o a cena?

  • Ho più o meno energia se mangio le carni rosse o le carni bianche?

  • …..

2 Concentrati sulle tue sensazioni L’azione di nutrirsi è regolata da un impulso fisiologico: la fame. Normalmente però, nelle vite di ognuna di noi i pasti dipendono da fattori esterni: orari di lavoro, impegni di famiglia ecc. Per cui sono i ritmi sociali a organizzare le nostre giornate e i nostri ‘tempi’. Il consiglio è quello di approfittare dei momenti di riposo come il weekend o le vacanze per riconnettersi ai propri ritmi biologici: prenditi un weekend per ‘rompere’ con i tuoi schemi abituali e per mangiare soltanto quando senti davvero lo stimolo della fame. Approfitta di questo momento per imparare a riconoscere come si esprime la fame all’interno del tuo corpo:

  • vuoto alla stomaco

  • Crampi

  • Salivazione

  • Allo stesso modo, nota le tue emozioni: ti senti impaziente?

  • Irritabile?

  • Oppure in quale altro modo?

3 Accogli le tue emozioni L’alimentazione è anche una ‘spia’ del nostro stato emotivo. Porta l’attenzione alle tue ‘voglie’ alimentari durante la giornata. Ti capita spesso di avere voglia di mangiare fuori dall’orario dei pasti? Desideri qualcosa di dolce? Oppure di salato? Quando ti accorgi di questi desideri improvvisi, sii curiosa e interrogati sull’origine di queste voglie. Quale emozione o stato mentale scatena questa ‘voglia’? Se impari a portare il tuo sguardo verso l’interno potresti accorgerti che mangiare non è l’unica risposta possibile per prenderti cura di te e accogliere la tua emozione. Anzi, probabilmente, non è il modo più adeguato per farvi fronte. Anche se spesso è la nostra risposta automatica. E’ importante scoprire che esistono altri modi di agire di fronte ad una sensazione difficile: respirazione consapevole, meditazione, rilassamento, lettura, camminata

Secondo lo schema qui sotto, ad ogni tipo di emozione, corrisponde un desiderio di cibo. E tu, da quali cibi sei attratta?


SAPORE

ORGANI CORRELATI

EMOZIONI SCATENANTI

Dolce

Stomaco/Milza

Difficoltà d’adattamento

Salato

Rene/Vescica

Paura/Angoscia

Acido

Fegato/Vescicola biliare

Collera/Risentimento

Amaro

Cuore/Intestino

Mancanza di gioia

Speziato/Piccante

Polmoni/Intestino

Tristezza


4 Torna a te stessa Imparare ad amarsi è una tappa fondamentale per ritrovare la ‘via dell’armonia’ per cui scegli con cura i prodotti freschi, cucina dei piatti con amore, prepara l’atmosfera del pasto. Ti meriti esattamente le stesse attenzioni e lo stesso amore che offri alle persone che ami. Se amo me stesso, starò attento al cibo che introduco nel mio corpo. Se provo amore nei miei confronti, imparo a fare tutt’uno con gli alimenti che consumo. Entrando in me, il cibo costituisce la materia del mio corpo fisico e contribuisce al mio equilibrio psicologico. Gli alimenti mi forniscono l’energia e contribuiscono a mantenere alto il tono del mio umore.


5 Ritrova l’energia Siamo quello che mangiamo” è un’affermazione che fa riflettere: prenditi il tempo per meditare su questa affermazione. L’alimentazione è fonte di energia, ci porta quello di cui abbiamo bisogno per metterci ‘in azione’ nella quotidianità. E, ancora, per permetterci di vivere nel modo che desideriamo.

  • La tua alimentazione è vitalizzante?

  • È allineata con i tuoi valori?

  • Ti fornisce energia? Oppure, spesso, senti che ti rende più stanca?

  • La tua alimentazione attuale è lontana dalla tua alimentazione ideale?

Se hai l’impressione che la tua alimentazione ti prenda energia più che fornirtela, chiedi consiglio ad un esperto per far sì che ti possa consigliare dei cibi e delle ricette che possano fornirti la giusta energia quando ne hai bisogno.

Vi lascio due piccoli schemi che potete ritagliare e portare con voi o appendere in casa che vi possono aiutare ad essere più consapevoli durante i pasti:


ALIMENTAZIONE

  1. Ignora i segnali del tuo corpo e continua a mangiare

  2. Mangia quando sono le tue emozioni a guidarti (tristezza, rabbia, noia…)

  3. Mangia da solo e sul divano con la tv…

  4. Magia cibi veloci e che sono emotivamente sazianti

  5. Mangia e sii multitasking

  6. Non badare a quel che mangi, consideralo un prodotto finito

ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE

  1. Ascolta il tuo corpo e fermati quando sei sazio

  2. Mangia quando è il tuo corpo a chiedertelo (brontolio allo stomaco, poca energia…)

  3. Mangia insieme ad altri e seduto ad un tavolo

  4. Mangia cibi sani che sono energicamente sazianti

  5. Quando mangi, mangia e non fare altro

  6. Presta attenzione a ciò che mangi, da dove arriva quel cibo…

7 visualizzazioni0 commenti