La scuola dei 150 desideri


E' possibile scrivere 101 desideri?

E' possibile "averne"cosi tanti? saresti in grado di scriverli tutti?

E se esistesse un modo per far realizzare tutti questi desideri?


Non stiamo parlando del genio della lampada, ma della tecnica dei 101 desideri di Igor Sibaldi, provare per credere.

Con la tecnica dei 101 desideri il mondo cambia, si trasforma l’orizzonte della realtà. Questa è la differenza tra fare magia e fare miracoli.

Tu sei qui per fare miracoli. Ma ci sono delle precise regole da seguire.


La tecnica dei 101 desideri di Igor Sibaldi: le regole

1) la formula giusta è: Io voglio

non io desidero, non io vorrei, IO VOGLIO. E’ questa un’assunzione di responsabilità da parte della tua anima, un punto fermo verso ciò che desideri. Il messaggio deve arrivare diretto e chiaro all’universo.


2) la parola “NON” è bandita.

Non vanno usate negazioni perché alcune zone della nostra coscienza non percepiscono la negazione. Il pericolo è che una frase del tipo “non voglio avere il raffreddore”, venga registrata come “voglio avere il raffreddore”, meglio usare una formula del tipo “voglio essere sempre in perfetta salute


3) non si possono chiedere soldi.

I soldi sono un mezzo, non sono un obiettivo. I soldi non riguardano il volere, ma il dovere. Se per esempio vuoi un’automobile nuova fiammante non chiedere i soldi per comprarla, ma chiedi direttamente l’automobile, specificando anche marca, colore, modello e cilindrata, ti spiegheremo dopo il perché. Vai diretto all’obiettivo!


4) formula solo desideri verificabili.

Evita di scrivere “voglio essere molto generoso”, ma usa più precisione, “io voglio portare la prosperità al popolo della città di …”. La precisione aiuta la coscienza a assumersi la responsabilità di tutti i dettagli. Tanti adulti non sono più in grado di dire cosa gli piace davvero, prendi esempio dai bambini: impara a dire “io voglio quello”.


5) evitare paragoni.

Io voglio essere bravo come lui, famoso come lui. Evita il paragone, deve essere un dialogo personale senza tirare in ballo nessun altro, non ispirarti e non imitare gli altri, vivi la tua leggenda personale.


6) non si può chiedere per conto di altri.

“Io voglio che questa persona guarisca da una malattia”. E’ sbagliato. Non è giusto intercedere per qualcuno. Lascia il libero arbitro agli altri, non è la tua storia, quindi non cercare di intervenire o rischierai di creare ostacoli alla persona che vuoi aiutare. Nel caso desideri la guarigione di qualcuno puoi desiderare di produrre una quantità di energia tale da poterla donare a quella persona, se la vorrà ricevere.


7) niente desideri seriali.

Io voglio fare un viaggio in India, in America, in Perù, in Islanda… I desideri seriali inducono meccanismi ossessivi. Ogni desiderio deve essere una scoperta unica.

Se ripeti la stessa formula, appesantirai e rallenterai tutto il processo.


8) niente diminutivi e vezzeggiativi.

Se chiedi una casettina l’universo potrebbe farti arrivare una casa giocattolo! Dai il giusto peso alle parole, da evitare tenerezze verso se stessi che portano all’uso di diminutivi.


9) ogni desiderio può avere al massimo 14 parole.

“Io voglio” più altre 12. Un desiderio deve durare mediamente quanto un respiro ed è stato stimato che non un respiro si riescano a dire dodici parole. Più parole usiamo più siamo meno convinti di quello che desideriamo.


10) non chiedere storie d’amore e di sesso con persone precise.

E’ un utilizzo improprio della volontà, impadronirsi degli altri e costringere gli altri in modo non onesto è un’altra violazione del libero arbitrio. Infrangere questa regola porterà sempre a delusioni come le cose che sconfinano nella magia, non sempre quello si ottiene è quello che desideravamo. Se quello che mi interessa è una relazione, “io voglio avere una storia d’amore ricambiata e felice” senza mettere nessuna condizione particolare, senza scegliere una determinata persona.

Nel tempo il nostro corpo e la nostra mente cambia in continuazione, desiderare una storia eterna con una precisa persona potrebbe vincolarti per l’eternità ad essa contro il tuo volere.



101 desideri iniziano a realizzarsi

Ecco che inaspettatamente iniziano a realizzarsi i primi desideri, magari quelli che non ci si aspettava. Via via che si realizzano cancellali con una riga e sostituiscili con desideri nuovi, se vuoi puoi ripescarne dalla lista dei 150 desideri fatta precedentemente.

Quando cancelli la riga, scrivi sotto

Grazie, ne voglio ancora

non dimenticarti mai di ringraziare ed esser grato di quello che ti accade.

Viviamo tutti immersi in un fiume con diversi livelli, nel suo fluire troviamo occasioni, doni, ispirazioni. Ci è stato insegnato a guardare solamente in basso, la tecnica dei 101 desideri di Igor Sibaldi ti servirà a guardare in alto e far arrivare le “cose grandi” quelle che la vita tiene in serbo per te, aspettando che tu te ne accorga.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti